Vai al menù principale |  Vai ai contenuti della pagina

NEWSLETTER [n]

Sono presenti 4 allegati
Questo articolo è stato letto 187 volte
Pubblicato il: 11/07/2018   
AREA GOVERNO DEL TERRITORIO - UFFICIO AMBIENTE

ORDINANZA PER LA PREVENZIONE DELL'ALLERGIA DA POLLINE DI AMBROSIA - ANNO 2018

ORDINANZA PER LA PREVENZIONE DELL'ALLERGIA DA POLLINE DI AMBROSIA - ANNO 2018

Si informa la cittadinanza che è stata emessa ORDINANZA SINDACALE N. 85 del 10/07/2018 CONCERNENTE DISPOSIZIONI CONTRO LA DIFFUSIONE DELLA PIANTA “AMBROSIA” NEL TERRITORIO DI RESCALDINA - ANNO 2018, per la prevenzione dell'allergia da polline di Ambrosia.

 

COS'E' L'AMBROSIA

L'Ambrosia appartiene alla famiglia delle composite ed è una pianta erbacea anemofila, cioè utilizza il vento per l'impollinazione.

Ha foglie frastagliate, fusto di colore verde e peloso e fiori che si estendono sopra le foglie di colore verdastro e giallo; la formazione dei fiori è stimolata dall'allungarsi delle notti - in Italia nel periodo di fine luglio e inizio agosto - con conseguente dispersione del polline.

Il suo periodo di fioritura va dalla fine di luglio alla fine di ottobre: la pollinazione più intensa è da metà agosto a metà settembre.

 

Dagli studi condotti dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti d'America è risultato che una pianta di Ambrosia può produrre più di un miliardo di granuli di polline e, soprattutto, che l'abbondante produzione di polline, raddoppiatasi negli ultimi cento anni, è causata, con tutta probabilità, dall'aumento dell'anidride carbonica nell'aria.

 

DOVE SI TROVA

L'Ambrosia è originaria del nord America ed è presente in Europa (Francia, Ungheria, ex-Jugoslavia, Austria, Italia) solo dagli inizi degli anni '60.

In Italia le zone in cui si è insediata sono: Varese e provincia, Pavia e provincia, Trieste, località a nord-ovest di Milano, Torino.

L'Ambrosia cresce nei terreni situati al di sotto dei 500 m. e i luoghi in cui si sviluppa sono i bordi stradali, i cantieri edili, le massicciate ferroviarie, i campi incolti, gli argini dei fiumi e le aree abbandonate; spesso si trova anche nei campi coltivati a soja, girasole, mais e barbabietole.

 

L'ALLERGIA ALL'AMBROSIA

L'allergia all'Ambrosia è molto diffusa e si manifesta con gli stessi sintomi delle altre allergie ai pollini.

A chi soffre di questa allergia si consiglia di evitare i luoghi in cui è presente, di non praticare attività fisica nelle prime ore del mattino e dopo il tramonto, di privilegiare località di vacanza in alta montagna o al mare e di consultare i bollettini forniti dalle farmacie in cui sono riportati i picchi di produzione del polline, i luoghi e i periodi più colpiti.

COSA PROVOCA

GRAVI ALLERGIE con sintomi:

- NASALI - prurito, gocciolamento, starnuti, naso chiuso

- OCULARI - prurito, lacrimazioni

- RESPIRATORI - tosse, asma con necessità, in alcuni casi, di ricovero ospedaliero

 

 

CONTROLLO AMBROSIA

Si informano i cittadini che è possibile segnalare la presenza di ambrosia direttamente presso gli uffici della Polizia Locale incaricata del controllo e rispetto dell'Ordinanza Sindacale, compilando l'apposito modello di segnalazione.

 

Informazioni e approfondimenti sono disponibili sul sito: www.ats-milano.it

(tra i quali il bollettino dei pollini aggiornato settimanalmente, con i dati delle stazioni di monitoraggio di Magenta, Rho e Legnano e l'opuscolo con i consigli per i soggetti allergici)

Il sito è raggiungibile anche dalla pagina dedicata sul sito web di Regione Lombardia.

 

 

Rescaldina, luglio 2018

 

 

ALLEGATI:

- ORDINANZA SINDACALE n. 85 del 10/07/2018

- Metodi per il contenimento

- Manifesto 2018 – ATS Milano Città Metropolitana

- Brochure 2018 - ATS Milano Città Metropolitana