INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI ANNO 2022

Area: Tributi
Pubblicato il: 09/05/2022

IMU

Con decorrenza 1° gennaio 2020, è stata istituita la nuova IMU, disciplinata dalle disposizioni di cui all'articolo 1, commi da 739 a 783, della legge 27 dicembre 2019, n. 160.

Le aliquote imu dell’anno 2022 sono state approvate con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 27/05/2022, confermando quelle approvate per l’anno 2021.

NOVITA’:

  1. MODIFICA RIDUZIONE IMU ESTERO

    (art. 1, comma 743, della Legge 234/2021- legge di bilancio 2022).

    Limitatamente all'anno 2022 è ridotta al 37,5% l'IMU relativa ad una sola unità immobiliare a uso abitativo, non locata o data in comodato d'uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall'Italia. Ciò significa che mentre nel 2021 per tali soggetti la riduzione d’imposta era pari al 50%, nel 2022 essa sale al 62,5%.

  2. ESENZIONE IMU "BENI MERCE”

    (art.1, comma 751, della L. 160/20219 - legge di Bilancio 2020).

    A decorrere dal 1° gennaio 2022 sono esenti dall’IMU i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, finché permanga tale destinazione e non siano locati. Resta obbligatoria la presentazione della dichiarazione IMU a pena di decadenza.

  3. ABITAZIONE PRINCIPALE

    (art. 5-decies del DL. 146/2021, conv. nella L. 215/2021).

    La norma dispone che solo nel caso in cui i componenti del nucleo familiare possiedono diverse abitazioni, site tutte nel comune di Rescaldina oppure sia a Rescaldina che in altri Comuni, e stabiliscono residenze diverse tra di loro l’agevolazione prevista per l’abitazione principale spetta ad una sola abitazione. L’abitazione dovrà essere scelta dai componenti del nucleo familiare. La scelta dovrà essere comunicata per mezzo della presentazione della Dichiarazione IMU al Comune di ubicazione dell’immobile da considerare abitazione principale. Al soggetto passivo grava l’obbligo di presentazione della dichiarazione Imu (telefisco 2022). Per la compilazione del modello dichiarativo il contribuente deve barrare il campo 15 relativo alla “Esenzione” e riportare nello spazio dedicato alle “Annotazioni” la seguente frase: «Abitazione principale scelta dal nucleo familiare ex articolo 1, comma 741, lettera b), della legge n. 160 del 2019». La dichiarazione per l’anno 2022 dovrà essere presentata entro il 30/06/2023.

  4. ESENZIONE IMMOBILI CAT. D3

    (art. 78, comma 1, lett. d), e comma 3 del D.L. 104/2020).

    Per il 2022 vengono meno le esenzioni previste per il 2021 in seguito alla emergenza sanitaria da Covid-19, tranne l’unica confermata relativa al versamento IMU per gli immobili destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli (ossia gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3), a condizione che i relativi proprietari siano anche i gestori delle attività ivi esercitate.

SCADENZA VERSAMENTO IMU 2022:

Il 16 giugno scade il termine per il VERSAMENTO DELLA RATA IN ACCONTO dell'IMU dovuta per il primo semestre dell’anno 2022. Il 16 dicembre scade il termine per il VERSAMENTO A SALDO dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata. Entro il 16 GIUGNO può essere altresì versata l’intera imposta annua in unica soluzione. Con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 27.05.2022 sono state approvate le aliquote dell’IMU 2022 confermando quelle stabilite per l’anno 2021.

PROMEMORIA:

Si consiglia di presentare la dichiarazione IMU per gli immobili per i quali non era dovuta l’IMU 2021, ai sensi dell’art. 1 comma 599 della Legge n. 178 del 30.12.2020 (Finanziaria 2021) e della legge n. 69/2021 di conversione del decreto 41/2021 (cd. “decreto sostegni”), indicando nella dichiarazione i riferimenti catastali dell'immobile, il periodo di esenzione, barrando la casella esente e riportando nelle annotazioni la partita IVA ed il codice ATECO dell'attività svolta.

CALCOLO DELL'IMPOSTA

Il calcolo dellimposta dovuta e la stampa del modello di pagamento possono essere effettuati utilizzando l’applicazione on line cliccando qui. Si precisa che i Comuni non hanno l'obbligo di inviare a domicilio modelli precompilati di pagamento dell'Imu che rimane un tributo in autoliquidazione. (Nota Ifel 12/05/2013.) .

IMPORTO MINIMO DEL VERSAMENTO

In riferimento al comma 8 dell’articolo 22 del vigente Regolamento comunale dell’imposta si precisa che non devono essere eseguiti versamenti quando l'imposta annuale dovuta dal singolo contribuente risulti inferiore ad euro 12,00 (Dodici/00) , tale importo minimo deve intendersi riferito all’imposta annuale complessivamente arrotondata e dovuta e non agli importi relativi alle singole rate, ai singoli immobili e ai singoli codici tributari.

REGOLAMENTO

Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 48 del 24/07/2020 è stato approvato e con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 26/03/2021 è stato modificato il Regolamento per l'applicazione dell'Imposta Municipale Propria – IMU.

AREE FABBRICABILI

Al fine di semplificare gli adempimenti a carico dei contribuenti con deliberazione di Giunta Comunale n.104 del 10/06/2020 sono stati determinati i valori minimi di riferimento delle aree fabbricabili ai fini IMU valevoli anche per l'anno 2022.

RAVVEDIMENTO OPEROSO

E' possibile regolarizzare un pagamento o una dichiarazione, se non ancora formalmente contestati, secondo i termini e gli adempimenti di cui all'art. 13 D.Lgs. 18/12/1997, n. 472 e successive modifiche ed integrazioni cliccando qui. .

ESENZIONE IMU 2021 – IMMOBILI LOCATI CON COVALIDA DI SFRATTO

In considerazione degli effetti connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19 l’articolo 4-ter del Dl n. 73/2021, convertito con L. 106/2021, e il Decreto del MEF 30/09/2021 stabiliscono l’esonero dal pagamento dell’IMU per gli immobili destinati ad uso abitativo, posseduti da persone fisiche ed affittati, per i quali è stata emessa una convalida di sfratto per morosità entro il 28/02/2020, la cui esecuzione sia stata sospesa fino al 30 giugno 2021. La norma prevede che lo stesso esonero spetti anche nel caso in cui la convalida di sfratto sia stata emessa successivamente al 28 febbraio 2020, a condizione che l’esecuzione sia sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021.

I soggetti aventi diritto al rimborso dell'IMU devono presentare un'istanza di rimborso, allegata, nella quale vengono dichiarati, oltre alle generalità' del contribuente e ai dati identificativi dell'immobile, i seguenti elementi che danno diritto al rimborso:

  1. possesso dell'immobile;

  2. concessione dello stesso in locazione a uso abitativo;

  3. estremi del provvedimento con cui e' stata ottenuta una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione e' sospesa sino al 30 giugno 2021 oppure una convalida di sfratto per morosita' successivamente al 28 febbraio 2020, la cui esecuzione e' sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021;

  4. estremi del versamento della prima rata o dell'unica rata dell'IMU riferita all'anno 2021;

  5. importo di cui si chiede il rimborso;

  6. coordinate bancarie.

I soggetti sopra citati devono presentare la dichiarazione IMU, allegata, entro il 30/06/2022 per attestare il possesso dei requisiti che danno diritto all'esenzione dall'IMU, nonche' l'importo del rimborso, nello spazio dedicato alle annotazioni del modello di dichiarazione.

VERSAMENTO DALL’ESTERO

I cittadini non residenti in Italia (AIRE) impossibilitati ad effettuare il versamento mediante il modello F24 possono assolvere l’obbligo di versamento dell’IMU a mezzo bonifico bancario, indicando come beneficiario Comune di Rescaldina – Tesoreria c/o Banco BPM spa - ag. Rescaldina – via Bossi n. 56 sul C.C. n. 21510 - IBAN: IT 84 D 05034 33640000000021510. Come causale indicare il codice fiscale del contribuente che versa il tributo, “IMU”, l’anno di imposta ed il tipo di versamento (acconto, saldo, unico, ravvedimento). Nel caso il versamento sia a favore dello Stato per immobili appartenenti al gruppo catastale D, la quota d’imposta di competenza statale dovrà essere versata con bonifico a favore della Banca d’Italia (cod. BIC BITAITRRENT), utilizzando il codice IBAN IT 02G0100003245348006108000. Anche nel caso di bonifico a favore dello Stato dovranno essere indicate le medesime causali sopra riportate.

SI ALLEGANO I DOCUMENTI UTILI PER IL CALCOLO:

- VOLANTINO RIEPILOGATIVO;

- TABELLA DEI VALORI VENALI DELLE AREE EDIFICABILI PER L’ANNO 2022;

- REGOLAMENTO IMU;

- MODULO DICHIARAZIONE IMU.

TARI

Il servizio Tributi provvederà ad inviare gli avvisi di pagamento della TARI per l’anno 2022 con allegati i modelli F24 da utilizzarsi per il versamento:

dell’acconto entro il 18.07.2022

del saldo entro il 16.12.2022.

Sarà inoltre possibile effettuare il versamento in RATA UNICA entro il 16/12/2022 con le modalità che saranno indicate all'interno degli avvisi di pagamento.

 

PER OGNI ULTERIORE INFORMAZIONE E’ POSSIBILE:

* CONTATTARE L’UFFICIO TRIBUTI AI NUMERI: Tel.:0331/467846(Responsabile) - 0331/467821(imu) - 0331/467818(tari)

* INVIARE UNA MAIL A tributi@comune.rescaldina.mi.it

* INVIARE UNA PEC A comune.rescaldina@pec.regione.lombardia.it